presentazione
Con la Dichiarazione sul futuro dell'Unione il Consiglio europeo di Nizza del dicembre 2000 ha invitato tutti i paesi membri ad aprire un ampio dibattito pubblico sui temi della riforma dell'Unione europea, con l'obiettivo fondamentale di promuovere la partecipazione di tutti i cittadini europei alle scelte riguardanti il futuro dell'Unione.

Il Consiglio europeo di Laeken (14 e 15 dicembre 2001) ha adottato una Dichiarazione che per la prima volta affidava l'elaborazione della riforma dei trattati dell'Unione ad una Convenzione rappresentativa delle principali istituzioni nazionali e comunitarie (Parlamenti nazionali, Parlamento europeo, Governi, Commissione europea) con una maggioranza di rappresentanti dei Parlamenti. Rappresentanti della Camera e del Senato nella Convenzione sono stati, rispettivamente, l'onorevole Marco Follini e il senatore Lamberto Dini; loro sostituti l'onorevole Valdo Spini e il senatore Filadelfio Guido Basile.

La Convenzione ha tenuto la sua seduta inaugurale il 28 febbraio 2002, ha svolto i suoi lavori in modo pubblico e aperto al contributo dei cittadini; in particolare tutti gli atti dei suoi lavori sono stati pubblicati sul sito internet della Convenzione ed è stato creato un apposito Forum per i contributi di enti ed organizzazioni rappresentative della società civile, come di centri di studio e ricerca. La Convenzione ha terminato i suoi lavori il 10 luglio 2003, con la predisposizione del progetto di Trattato che istituisce una Costituzione per l'Europa.

Il progetto di Trattato elaborato dalla Convenzione ha costituito la base dei lavori della Conferenza intergovernativa, avviata sotto la Presidenza italiana il 4 ottobre del 2003 e sospesa, in mancanza di un accordo finale, in occasione del Consiglio europeo che si è svolto a Bruxelles il 12 e 13 dicembre 2003. Il Consiglio europeo, pertanto, ha dato mandato alla Presidenza irlandese (in carica dal 1° gennaio al 30 giugno 2004) di valutare la prospettiva di riavviare i negoziati e di riferire al riguardo al Consiglio europeo di marzo 2004.

La Camera e il Senato italiani hanno promosso con più iniziative il dibattito sul futuro dell'Europa e sulla riforma dell'Unione.

I Presidenti delle Camere hanno avviato il dibattito in Italia promuovendo il 30 novembre 2001, nell'Aula di Montecitorio, la manifestazione Per l'avvenire dell'Europa, finalizzata a dare impulso a programmi di iniziative sul progetto di Europa, a cui sono seguiti diversi altri incontri sui temi europei.

Le Commissioni competenti per gli affari esteri e le politiche dell'Unione europea della Camera e del Senato hanno promosso un'indagine conoscitiva sul futuro dell'Europa, che ha seguito e continua a seguire tutte le fasi del processo di riforma, dall'avvio del dibattito pubblico ai lavori della Convenzione e della Conferenza intergovernativa. Più volte tali temi sono inoltre stati discussi nelle Aule della Camera e del Senato.

Per favorire l'informazione e la consultazione dei cittadini le Camere hanno inoltre attivato queste pagine dedicate al dibattito sul futuro dell'Unione, mettendo a disposizione:
 
  l'accesso ai principali documenti di riferimento, sia italiani sia europei, nonché i collegamenti con i siti delle istituzioni coinvolte nel processo;
  informazioni e documenti sulle iniziative sul futuro dell'Europa promosse in Italia, che possono essere comunicate agli indirizzi e-mail avvenire_europa@camera.it e avvenire_europa@senato.it e annunciate nel sito;