Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Temi dell'attività parlamentare

Difesa e Forze armate
Difesa e Forze armate
Partecipazione dell'Italia alla missione internazionale in supporto alla guardia costiera libica

Nel corso della seduta del 2 agosto 2017 la Camera ha svolto la discussione sulle linee generali della Relazione predisposta dalle Commissioni Affari esteri e Difesa sulla deliberazione del Consiglio dei ministri in merito alla partecipazione dell'Italia alla missione internazionale in supporto alla Guardia costiera libica, adottata il 28 luglio 2017 (Doc. CCL, n. 2), al termine della quale la Camera ha approvato la risoluzione Cicchitto, Garofani, Caruso, Pisicchio, Locatelli, Alfreider ed altri n. 6-00338, riformulata.

 
Contenuto della deliberazione del Consiglio dei ministri del 28 luglio 2017
  • 1 focus,
  • 2 dossier
  • 1 rimando
03/08/2017

Lo scorso 28 luglio  il Governo ha trasmesso alle Camere la deliberazione del Consiglio dei ministri del 28 luglio 2017, concernente la partecipazione dell'Italia alla missione di supporto alla Guardia costiera libica, richiesta dal Consiglio presidenziale  - Governo  di accordo nazionale libico (Doc. CCL, n. 2).

Le caratteristiche della missione sono indicate nella scheda tecnica allegata alla richiamata deliberazione del 28 luglio e sono state altresì illustrate dal Governo nel corso delle comunicazioni sull'evoluzione della situazione in Libia, svolte il 1° agosto  2017 davanti alle Commissioni riunite Affari esteri e Difesa della Camera e del Senato.

In sintesi la missione è volta a fornire supporto alle forze di sicurezza libiche per le attività di controllo e contrasto dell'immigrazione illegale e del traffico di esseri umani mediante un dispositivo aeronavale e integrato da capacità ISR, ovvero di acquisizione di informazioni operative (intelligence), di sorveglianza (surveillance) e ricognizione degli obiettivi (reconnaissance).

Nello specifico, la missione dovrà garantire:

 

  1. la protezione e la difesa dei mezzi del Consiglio presidenziale l Governo di accordo nazionale libico (GNA) che operano per il controllo ed il contrasto dell'immigrazione illegale, distaccando, una o più unità assegnate al dispositivo per operare nelle acque territoriali e interne della Libia controllate dal Consiglio presidenziale l Governo di Accordo Nazionale (GNA) in supporto a unità navali libiche;
  2. la ricognizione in territorio libico per la determinazione delle attività di supporto da svolgere;
  3. la possibilità di svolgere attività di collegamento e consulenza a favore della Marina e Guardia costiera libica e la collaborazione per la costituzione di un centro operativo marittimo in territorio libico per la sorveglianza, la cooperazione marittima e il coordinamento delle attività congiunte.

Inoltre, potranno essere svolte attività per il ripristino dell'efficienza degli assetti terrestri, navali e aerei, comprese le relative infrastrutture, funzionali al supporto per il contrasto dell'immigrazione illegale.

In relazione alla composizione degli assetti, la scheda tecnica allegata alla deliberazione precisa che sarà impiegata un'unità funzionale al supporto tecnico logistico e un pattugliatore tratto dalle unità autorizzate nella Operazione nazionale Mare Sicuro, con possibilità di integrazione di ulteriori assetti sempre tratti da quelli indicati nella citata scheda. Anche le unità impiegate saranno tratte dal contingente già autorizzato nell'attuale dispositivo dell'Operazione nazionale "Mare Sicuro".

La spesa dell'operazione è stimata in euro 34.950.000, rientrante nelle spese già preventivate per il richiamato dispositivo aeronavale nazionale "Mare sicuro".

In ordine alle regole d'ingaggio la Ministra Pinotti, nel corso della richiamata seduta del 1° agosto ha precisato che " sono le stesse previste per il dispositivo Mare sicuro, con i necessari adattamenti per il carattere bilaterale delle operazioni. Sulla base del diritto internazionale, l'autodifesa dei nostri militari è sempre lecita".

Da un punto di vista procedurale, nel corso della seduta del 1° agosto 2017 le Commissioni III (Affari esteri e comunitari) e IV (Difesa) della Camera hanno approvato una relazione per l'Aula (Doc. XVI, n. 4) "sulla deliberazione del Consiglio dei ministri in merito alla partecipazione dell'Italia alla missione internazionale in supporto alla Guardia Costiera libica, adottata il 28 luglio 2017" (Doc. CCL, n. 2) (Doc. XVI, n. 4).

La relazione è stata esaminata dalla Camera nel corso della seduta del 2 agosto. Al termine del dibattito la Camera ha approvato la risoluzione n. 6-00338, nel testo modificato nel corso della seduta.

 

Focus
Dossier
Vedi anche
 
Infografiche di interesse
03/08/2017

Accedi per commissione