Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Temi dell'attività parlamentare

Istruzione, cultura e informazione
Ricerca
Programma Horizon 2020 per ricerca e innovazione nell'UE

A gennaio 2014 l'UE ha istituito il programma quadro per la ricerca Horizon 2020 (regolamento (UE) n. 1291/2013), della durata di sette anni (2014-2020), nel quale sono integrati tutti i finanziamenti per la ricerca e l'innovazione.

Horizon 2020 succede a sette programmi quadro precedenti, con l'obiettivo di riunire in un unico programma tutte le attività relative alla ricerca e all'innovazione e di semplificare la struttura e le procedure.

Con un budget di quasi 80 miliardi di euro (circa l'8% del bilancio dell'Unione), Horizon 2020 è un programma unico al mondo sia in termini di budget sia per durata e portata. I finanziamenti vengono assegnati attraverso tre programmi di lavoro, il primo per gli anni 2014-2015, il secondo per il 2016-2017 e il terzo per il 2018-2020. Finora il programma ha stanziato 28.535,7 milioni di euro e sostenuto 13.643 progetti in 44 paesi coordinatori e più di 130 paesi partecipanti.

La dotazione iniziale del programma era di 77,028 miliardi di euro. Successivamente il Regolamento (UE) n. 1017/2015, che ha istituito il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), ha modificato il regolamento Horizon 2020 e trasferito 2,2 miliardi di euro dalla sua dotazione per finanziare un nuovo fondo di garanzia dell'UE per coprire i rischi della Banca europea degli investimenti (BEI) nelle operazioni FEIS. La dotazione finanziaria finale di Horizon 2020 è stata così ridotta a 74,828 miliardi di euro.

Il Programma si articola in tre pilastri:

I pilastro: SCIENZA ECCELLENTE (ES)

  • ricerca di frontiera finanziata dal Consiglio europeo della ricerca (CER) (13,095 miliardi di euro);
  • ricerca collaborativa per aprire nuovi e promettenti campi di ricerca e di innovazione mediante il sostegno alle tecnologie emergenti e future (FET) (2,696 miliardi di euro);
  • offrire ai ricercatori eccellenti opportunità di formazione e di carriera mediante le cd. azioni Marie Curie (6,162 miliardi di euro);
  • infrastrutture di ricerca (comprese le e-infrastructures) di livello mondiale accessibili a tutti i ricercatori in Europa e in altri paesi (2,488 miliardi di euro).

II pilastro: LEADERSHIP INDUSTRIALE (LEIT)

  • consolidare la leadership nelle tecnologie abilitanti e industriali (Key Enabling Technologies), anche attraverso la loro combinazione, fornendo un sostegno all'ICT, alle nanotecnologie, ai materiali avanzati, alle biotecnologie, ai sistemi avanzati di fabbricazione e trattamento e alla ricerca spaziale (NMPB+Space) (13,557 miliardi di euro);
  • facilitare l'accesso ai finanziamenti per ricerca e innovazione con capitale di rischio (Access to risk finance) (2,842 miliardi di euro);
  • fornire in tutta l'Unione un sostegno all'innovazione nelle PMI (SME instrument) (almeno 3 miliardi di euro destinati allo strumento per le PMI).

III pilastro: SFIDE SOCIALI (SC)

  • salute, cambiamenti demografici e benessere (7,472 miliardi di euro);
  • sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia (3,851 miliardi di euro);
  • energia sicura, pulita ed efficiente (5,931 miliardi di euro);
  • trasporti intelligenti, ecologici e integrati (6,339 miliardi di euro);
  • azione per il clima, efficienza delle risorse e materie prime (3,081 miliardi di euro);
  • società inclusive, innovative e sicure (1,309 miliardi di euro).

grafico Horizon 2020