Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Speciali Provvedimenti

  • Legge di bilancio 2017

    Il disegno di legge di bilancio per il 2017, nel quale a decorrere da tale anno vengono ad essere ricompresi, in un unico provvedimento, entrambi i previgenti disegni di legge di stabilità e di bilancio, contiene le misure necessarie a conseguire gli obiettivi programmatici di finanza pubblica indicati dal Governo nel Documento programmatico di bilancio 2017. Il disegno di legge, approvato in prima lettura dalla Camera il 28 novembre (A.C. 4127-bis-A), è stato  poi approvato definitivamente dal Senato il 7 dicembre 2016 (A.S. 2611), ed è stato pubblicato in G.U. il 21 dicembre 2016 (L. n. 232/2016).

    QUI I DOSSIER DI DOCUMENTAZIONE:

    Quadro di sintesi degli interventi

    Legge di bilancio 2017 - Volume I - Articolo 1, commi 1 - 339

    Legge di bilancio 2017 - Volume II - Articolo 1, comma 340 - Articolo 19

    aggiornato a venerdì, 23 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: Legge di bilancio 2017

  • Il decreto-legge n. 237 del 2016 sulla tutela del risparmio nel settore creditizio

    E' all'esame del Senato (A.S. 2629) il disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 237 del 2016, che reca alcune misure a tutela del settore creditizio. Il provvedimento tra l'altro disciplina la concessione della garanzia dello Stato sulle passività delle banche aventi sede legale in Italia e sui finanziamenti erogati discrezionalmente dalla Banca d'Italia alle banche italiane per fronteggiare gravi crisi di liquidità. Reca inoltre interventi di rafforzamento patrimoniale degli istituti creditizi. Il 12 gennaio 2017 presso le Commissioni congiunte 6a Senato e VI Camera si è tenuta l'audizione del Ministro Padoan. Successivamente sono stati auditi ABI, Banca d'Italia, Consob, MPS, Altroconsumo, Adusbef, Rete Italia Consumatori.

    aggiornato a venerdì, 20 gennaio 2017
    leggi tutto... tema: Il decreto-legge n. 237 del 2016 sulla tutela del risparmio nel settore creditizio

  • D.L. 243/2016: Interventi urgenti per la coesione territoriale

    Il decreto-legge 29 dicembre 2016, n.243 reca misure che interessano alcune aree del Mezzogiorno, con interventi anche di tutela occupazionale e salvaguardia ambientale. La Commissione bilancio della Camera ha iniziato l'esame del provvedimento  nella giornata del 17 gennaio (A.C.4200).

    aggiornato a mercoledì, 18 gennaio 2017
    leggi tutto... tema: D.L. 243/2016: Interventi urgenti per la coesione territoriale

  • Testo unico sul vino

    E' stato approvato in via definitiva, il 28 novembre 2016, dalla Commissione agricoltura della Camera, in sede legislativa, il testo unico sul vino, così come precedentemente approvato dall'Assemblea del Senato (legge 12 dicembre 2016, n. 238). Esso raccoglie, in parte modificandola, la normativa nazionale in materia di coltivazione della vite e produzione e commercio del vino.

    Il provvedimento, al fine della sua approvazione definitiva, è stato esaminato limitatamente alle tre modifiche apportate dal Senato agli articoli 2, 7 e 74.

    Le prime due modifiche, conseguenti al parere espresso dalla Commissione Politiche dell'Unione europea del Senato, attengono ad alcuni riferimenti di normativa europea richiamati nel provvedimento.

    In particolare, all'articolo 2, che definisce l'ambito di applicazione del provvedimento, si inserisce l'espresso richiamo al regolamento delegato (UE) n. 2016/1149 della Commissione del 15 aprile 2016 e al regolamento di esecuzione (UE) n. 2016/1150, emanato dalla Commissione in pari data.

    La seconda modifica è stata inserita all'articolo 7, il quale detta norme per la salvaguardia dei vigneti eroici o storici ed è volta a specificare, al comma 3, lettera d) che il riferimento al regolamento (CE) n. 555/2008, in materia di programmi nazionali di sostegno al settore vitivinicolo, debba essere esteso anche alle successive modificazioni intervenute. La modifica intende, quindi, richiamare implicitamente le disposizioni europee prima descritte (reg. delegato 2016/1149 e reg. di esecuzione 2016/1150 che hanno sostituito il reg. n. 555/2008).

    La terza modifica intervenuta riguarda l'articolo 74 dove è stato sostituito l'intero comma 7.

    Il comma in esame è stato modificato in modo da premettere la clausola "salvo che il fatto costituisca reato" a tutte le fattispecie di illecito configurate nel comma in esame e che, nello specifico, fanno riferimento a:

    • la contraffazione o l'alterazione di contrassegni sulle bottiglie dei vini DOCG e DOC o l'acquisto, la detenzione, la cessione ad altri o l'uso di contrassegno alterati o contraffatti.

    In tal caso, nel testo Camera era previsto l'applicazione delle sanzioni penali previste dagli articoli 468 e 469 del codice penale e l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 e 100.000 euro. Il Senato ha lasciato la sola sanzione amministrativa, premettendovi la clausola indicata in premessa;

    • la contraffazione o l'alterazione dei codici di identificazione alternativi ai contrassegni (sistema telematico di controllo e tracciabilità alternativo per i vini confezionati a DOC e IGT) o l'acquisizione, la detenzione o la cessione ad altri o l'uso di predetti codici alterati o contraffatti (in tali casi si fa salvo anche quanto previsto dal comma 8 che sanziona l'omesso utilizzo dei contrassegni).

    Anche in tal caso il testo Camera prevedeva la pena della reclusione da uno a cinque anni e la multa da 200 a 2.000 euro nonché la sanzione amministrativa da 30.000 a 100.000 euro. Il Senato ha soppresso il riferimento alla pena, premettendovi la clausola indicata in premessa;

    • l'utilizzazione su più recipienti del medesimo codice di identificazione telematico di controllo e di tracciabilità alternativo per i vini confezionati a DOC e a IGT.

    Il testo Camera prevedeva la pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 200 a 2.000 euro, oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 a 100.000 euro. Il Senato ha lasciato le sole sanzioni amministrative, premettendovi la clausola indicata in premessa;

    • l'utilizzazione di un codice di identificazione telematico di controllo e di tracciabilità alternativo per i vini confezionati a DOC e a IGT rilasciato da un soggetto non autorizzato. Anche in tal caso il testo approvato dalla Camera prevedeva la pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 200 a 2.000 euro, oltre alla sanzione amministrativa pecuniaria da 30.000 euro a 100.000. Il Senato ha lasciato le sole sanzioni amministrative, premettendovi la clausola inserita in premessa.

    Tali modifiche sono state richieste dalla Commissione Giustizia del Senato nel parere approvato sul provvedimento. La Commissione ha ritenuto che la previsione per la stessa fattispecie di sanzioni penali e di sanzioni amministrative possa violare il principio del ne bis in idem sostanziale. Ha chiesto, quindi, di riformulare le previsioni contenute nei quattro periodi del comma 7 dell'articolo 74 nel senso di prevedere, per ciascuna delle fattispecie illecite ivi contenute, l'applicazione o della sanzione amministrativa o della sanzione penale, riformulando il testo in modo da prevedere la sola sanzione amministrativa pecuniaria, accompagnata dall'introduzione della clausola di riserva "salvo che il fatto costituisca reato".

    Per un approfondimento sugli altri articoli non modificati, si rinvia, oltre che alla sintesi che segue, al seguente dossier n. 383 del Servizio Studi del Senato.

    aggiornato a mercoledì, 4 gennaio 2017
    leggi tutto... tema: Testo unico sul vino

  • Disposizioni concernenti i militari italiani ai quali è stata irrogata la pena capitale durante la prima Guerra mondiale

    Nel corso della seduta del 21 maggio 2016 l'Assemblea della Camera ha approvato la proposta di legge C.2741, recante disposizioni concernenti i militari italiani ai quali è stata irrogata la pena capitale durante la prima Guerra mondiale.

    Il provvedimento è attualmente all'esame della Commissione difesa del Senato (A.S. 1935).

    aggiornato a mercoledì, 21 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: Disposizioni concernenti i militari italiani ai quali è stata irrogata la pena capitale durante la prima Guerra mondiale

  • Istituzione della giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo

    La Commissione difesa della Camera ha approvato in sede legislativa il nuovo testo della proposta di legge C. 1623 Burtone, recante l' Istituzione della giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo.

    Il provvedimento passa quindi all'esame del Senato.

    aggiornato a mercoledì, 21 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: Istituzione della giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo

  • Istituzione di una Commissione monocamerale di inchiesta sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale italiano impiegato in missioni militari

    Martedì 30 giugno 2015 l'Aula della Camera ha approvato, all'unanimità, in via definitiva, il testo unificato delle proposte di istituzione di una commissione monocamerale d'inchiesta che dovrà indagare, in particolare, sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale italiano impiegato in missioni militari all'estero, nei poligoni di tiro e nei siti di deposito di munizioni, in relazione all'esposizione a particolari fattori chimici, tossici e radiologici dal possibile effetto patogeno e da somministrazione di vaccini, con particolare attenzione agli effetti dell'utilizzo di proiettili all'uranio impoverito e della dispersione nell'ambiente di nanoparticelle di minerali pesanti prodotte dalle esplosioni di materiale bellico. La Commissione si è costituita nel corso della seduta dello scorso 17 dicembre 2015. Nel maggio del 2016 ha approvato una relazione intermedia sulla sicurezza, sul lavoro e sulla tutela previdenziale nelle forze armate.

    aggiornato a mercoledì, 21 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: Istituzione di una Commissione monocamerale di inchiesta sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale italiano impiegato in missioni militari

  • La partecipazione italiana alle missioni internazionali nel 2016. Il decreto-legge n. 67/2016

    La legge n. 131 del 2016, di conversione del decreto-legge n. 67 del 2016, reca una serie di disposizioni volte assicurare, per tutto il 2016, la proroga della partecipazione del personale delle Forze armate e di polizia alle missioni internazionali, nonché la prosecuzione degli interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione in numerose aree internazionali di crisi. la legge n. 131 del 2016 disciplina, altresì, i profili normativi connessi alle missioni e prevede per specifici aspetti (quali il trattamento giuridico, economico e previdenziale, la disciplina contabile e penale) una normativa strumentale al loro svolgimento individuata essenzialmente mediante un rinvio all'ordinamento vigente.


    aggiornato a giovedì, 15 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: La partecipazione italiana alle missioni internazionali nel 2016. Il decreto-legge n. 67/2016

  • DL 189/2016 - Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016

    Il decreto-legge, già approvato dal Senato, contiene disposizioni urgenti in favore dei territori colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 e di quelli che si sono verificati successivamente a tale data. L'Assemblea della Camera ha definitivamente approvato, nella seduta del 14 dicembre 2016, il decreto.

    aggiornato a mercoledì, 14 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: DL 189/2016 - Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016

  • La nuova disciplina in materia di partecipazione alle missioni internazionali

    La legge n. 145 del 2016, pubblicata nella Gazzetta ufficiale del 1° agosto 2016, reca una normativa di carattere generale riguardante le missioni internazionali con particolare riferimento ai profili concernenti il trattamento economico e normativo del personale impegnato in tali missioni e i ai molteplici e peculiari profili amministrativi che caratterizzano le missioni stesse. Ulteriori disposizioni riguardano, poi, le procedure interne in forza delle quali è possibile pervenire all'adozione della decisione riguardante il coinvolgimento delle truppe italiane nell'ambito delle missioni militari oltreconfine.

    La legge entrerà in vigore il 31 dicembre 2016, fatta eccezione per l'articolo 20 (disposizioni transitorie relative al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica), che entra in vigore il giorno successivo a quello della predetta pubblicazione.

    aggiornato a martedì, 13 dicembre 2016
    leggi tutto... tema: La nuova disciplina in materia di partecipazione alle missioni internazionali