Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Altri palazzi
  • Palazzo ex Banco di Napoli

    II Palazzo ex Banco di Napoli (compreso fra via del Giardino Theodoli, via del Parlamento e via del Corso) è sede degli uffici amministrativi e conserva ancora nell'ampio salone centrale gli antichi sportelli bancari.

    Vai a La Camera per immagini

  • Palazzo dei Gruppi - Palazzo della Missione

    Palazzo dei Gruppi (in via degli Uffici del Vicario) è sede dei Gruppi parlamentari ed è collegato a Montecitorio attraverso un breve corridoio pensile, che scavalca via della Missione. Anche nel Palazzo della Missione (ubicato fra l'omonima via e via Uffici del Vicario) sono sistemati uffici dei Gruppi parlamentari nonché altri uffici.
    In tale complesso, al termine di un imponente restauro, è stata riaperta anche la nuova Aula, che contiene circa 300 posti.

    Vai alla Camera per immagini

  • La nuova Aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari

    Nel 150° anniversario dell'Unità d'Italia, la Camera dei deputati inaugura la nuova Aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari. Questa realizzazione architettonica costituisce l'ultima trasformazione di un angolo di Montecitorio che ha una storia straordinaria. L'area fu edificata nel 1624 dai Padri della Missione, che nel Settecento la completarono con una chiesa. Nel 1914 la chiesa fu demolita e l'area divenne un ambiente di lavoro, una vera officina produttiva, dove fu sistemata la tipografia della Camera dei deputati. Nel 1966, con il trasferimento della tipografia, l'area fu destinata ad ospitare un grande ambiente per riunioni denominato - per distinguerlo dall'Aula della Camera dei deputati - "Auletta" dei Gruppi parlamentari. Negli anni Novanta l'Auletta, che nel corso del tempo era stata la sede di importanti incontri ed eventi, fu chiusa non essendo rispondente alle nuove normative. Nel 2003, su impulso della Presidenza della Camera dei deputati, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, attraverso il Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per il Lazio, l'Abruzzo e la Sardegna, avviò il processo edilizio e nel novembre 2008 diede inizio ai lavori, che si sono conclusi nel maggio 2011. La nuova Aula accoglie riunioni istituzionali, nonché iniziative ed eventi promossi dalla Camera dei deputati o da altri soggetti e da questa ospitati. Il progetto architettonico della nuova Aula, redatto dall'architetto Sergio Petruccioli, lascia rileggere la storia del luogo. L'involucro edilizio originale è costruito come una facciata esterna, per rievocare il cortile settecentesco. Le strutture metalliche dello stabilimento industriale sono identificabili, grazie all'uso del rame. Il nuovo volume dell'Aula, infine, s'inserisce delicatamente nel vuoto, smaterializzato nella sua autonomia stilistica grazie ad una membrana appesa a diciannove esili archi. La sagoma a conchiglia della cavea è classica, semplice in planimetria e complessa nel suo sviluppo tridimensionale. La calotta emisferica semitrasparente che racchiude l'Aula, infatti, è portata da archi schiacciati, che determinano la doppia curvatura dei cristalli e del telo termoindurente che la avvolgono. Alle spalle dell' Aula si addensano gli spazi di relazione.

  • Palazzo Theodoli-Bianchelli

    Palazzo Theodoli-Bianchelli (situato tra via dell'Impresa, via del Parlamento e via del Corso) ospita alcuni uffici dei deputati ed è sede del Servizio Informatica e del Servizio del Personale. Nel corso dei lavori di ristrutturazione dei locali al piano terreno, è stato rinvenuto il dipinto murale "Macchina per produrre calze", 1947-48, cm. 290 x 210, di Gino Severini (1883-1966). Il dipinto, in tema con l'attività del negozio di abbigliamento sportivo allora situato in tali locali, rappresenta un "montaggio" alla maniera cubista di un macchinario con cingoli, alberi di trasmissione e ruote dentate. Il dipinto è ora collocato nella nuova Aula dei gruppi parlamentari.

    Nei locali precedentemente destinati alla libreria (chiusa nel corso della XVII legislatura), all'angolo tra via del Parlamento e via del Corso, nel 2017 è stato ricavato uno spazio per eventi e convegni, con una sala intitolata a Nilde Iotti.