Legge 5 maggio 2009, n. 42 

"Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell’articolo 119 della Costituzione"

 


Elenco delle deleghe e dei decreti legislativi emanati

 

Disposizioni della legge Deleghe Decreti legislativi emanati
art. 2, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2010) un decreto legislativo sui principi fondamentali in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118
"Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42"
art. 2, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) un decreto legislativo contenente la determinazione dei costi e dei fabbisogni standard sulla base dei livelli essenziali delle prestazioni  
art. 2, co. 7  il Governo è delegato ad adottare entro due anni dalla data di entrata in vigore dei D.Lgs. di cui al comma 1 decreti legislativi recanti disposizioni integrative e correttive  
art. 5  i decreti legislativi di cui all’art. 2 prevedono l’istituzione della Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011)  
art. 7, 8, 9 e 10  i decreti legislativi di cui all’art. 2 disciplinano i tributi delle regioni, le compartecipazioni al gettito dei tributi erariali, le modalità di esercizio delle competenze legislative e sui mezzi di finanziamento, la determinazione dell’entità e del riparto del fondo perequativo statale, il finanziamento delle funzioni trasferite alle regioni; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 6 maggio 2011, n. 68
"Disposizioni in materia di autonomia di entrata delle regioni a statuto ordinario e delle province, nonche' di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard nel settore sanitario "
artt. 11, 12 e 13  i decreti legislativi di cui all’art. 2 disciplinano il finanziamento delle funzioni di comuni, province e città metropolitane, il coordinamento e l’autonomia di  entrata e di spesa degli enti locali, l’entità e il riparto dei fondi perequativi per gli enti locali; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 26 novembre 2010, n. 216
"Disposizioni in materia di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard di Comuni, Città metropolitane e Province"
    D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23
"Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale "
art. 15  uno specifico decreto legislativi adottato in base all’art. 2 disciplina il finanziamento delle funzioni delle città metropolitane; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011)  
art. 16 ii decreti legislativi di cui all’art. 2 disciplinano l’attuazione dell’art. 119, quinto comma, Cost. (risorse aggiuntive ed interventi speciali in favore di determinati comuni, province, città metropolitane e regioni); entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 31 maggio 2011, n. 88
"Disposizioni in materia di risorse aggiuntive ed interventi speciali per la rimozione di squilibri economici e sociali, a norma dell'articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42"
art. 17  i decreti legislativi di cui all’art. 2 disciplinano il coordinamento e la disciplina fiscale dei diversi livelli di governo; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 149
"Meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e comuni, a norma degli articoli 2, 17 e 26 della legge 5 maggio 2009, n. 42"
art. 19 i decreti legislativi di cui all’art. 2 disciplinano i princìpi generali per l’attribuzione a comuni, province, città metropolitane e regioni di un proprio patrimonio; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 28 maggio 2010, n. 85
"Attribuzione a comuni, province, città metropolitane e regioni di un proprio patrimonio, in attuazione dell'articolo 19 della legge 5 maggio 2009, n. 42"
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Torino  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Milano  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Venezia  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Genova  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Bologna  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Firenze  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Bari  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Napoli  
art. 23, co. 6  il Governo è delegato ad adottare entro 36 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2012) un decreto legislativo per l’istituzione della città metropolitana di Reggio Calabria  
art. 24, co. 5 con uno o più decreti legislativi[1] adottati ai sensi dell’art. 2 è disciplinato l’ordinamento transitorio, anche finanziario, di Roma capitale; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 17 settembre 2010, n. 156
"Disposizioni recanti attuazione dell'articolo 24 della legge 5 maggio 2009, n. 42, in materia di ordinamento transitorio di Roma Capitale"
    D.Lgs. 18 aprile 2012, n. 61
"Ulteriori disposizioni recanti attuazione dell'articolo 24 della legge 5 maggio 2009, n. 42, in materia di ordinamento di Roma Capitale"
    D.Lgs. 26 aprile 2013, n. 51
"Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 18 aprile 2012, n. 61, concernente ulteriori disposizioni di attuazione dell'articolo 24 della legge 5 maggio 2009, n. 42, in materia di ordinamento di Roma Capitale"
art. 25 e 26  i decreti legislativi di cui all’art. 2 disciplinano la gestione dei tributi e delle compartecipazioni e il contrasto all’evasione fiscale; entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (entro il 21 maggio 2011) D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 149
"Meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e comuni, a norma degli articoli 2, 17 e 26 della legge 5 maggio 2009, n. 42"

[1]     Disposizione così modificata dal D.L. 194/2009 (conv. L. 25/2010) art. 1, co. 21. Il testo originario prevedeva l’emanazione di un unico D.Lgs.