Commissione parlamentare per le questioni regionali - Mercoledý 17 febbraio 2010


Pag. 250


ALLEGATO 1

DL 2/10: Interventi urgenti concernenti enti locali e regioni (C. 3146 Governo).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato il testo del disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 2/10, in corso di esame presso le commissioni riunite I e V della Camera, recante interventi urgenti concernenti enti locali e regioni;
rilevato che il provvedimento contempla disposizioni, riguardanti gli enti locali e le regioni, di prevalente carattere finanziario, cui si connettono aspetti ordinamentali relativi alla riduzione dei componenti degli organi elettivi di comuni e province ed alla indennità dei consiglieri regionali;
considerata la giurisprudenza della Corte costituzionale che annette alla legge regionale la determinazione delle indennità spettanti ai consiglieri regionali;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente condizione:

sia soppresso l'articolo 3.


Pag. 251


ALLEGATO 2

DL 194/09: Proroga di termini previsti da disposizioni legislative (C. 3210 Governo, approvato dal Senato).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato il testo del disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 194/2009, approvato dal Senato e in corso di esame presso le commissioni I e V della Camera, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative;
considerato che il testo in esame si colloca nel quadro di una serie di provvedimenti di portata generale che il Governo in più occasioni ha adottato al fine di attivare una pluralità di proroghe relative a distinti settori, talune oggetto di una o più precedenti proroghe anch'esse disposte con decretazione d'urgenza;
considerato il parere reso nella seduta del 19 gennaio 2010 sul provvedimento in titolo nel corso dell'esame al Senato e valutate le modifiche apportate al testo del decreto-legge;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti condizioni:
1) l'integrazione del fondo di 8 milioni di euro per la protezione civile di cui all'articolo 1, comma 23-octiesdecies, sia impegnato per gli ultimi dissesti idrogeologici avvenuti, riferendo al Parlamento;
2) all'articolo 9, comma 4, sia prevista una ampia concertazione tra lo Stato e le autonomie locali in relazione alla disciplina delle zone franche urbane;

e con le seguenti osservazioni:
a) valuti la Commissione di merito l'opportunità di prevedere la proroga, ovvero la soppressione, del trasferimento agli enti locali delle competenze previste dal Codice dei beni e del paesaggio;
b) valuti la Commissione di merito l'opportunità di prevedere la proroga della riduzione delle accise su GPL e gasolio per le aree montane non metanizzate;
c) valuti la Commissione di merito l'opportunità di prevedere maggiori forme di collaborazione e concertazione tra lo Stato e gli enti locali in relazione alla disciplina del servizio di noleggio con conducente di cui all'articolo 5, comma 3, nonché in relazione alle previsioni relative all'adozione dei piani di gestione dei bacini idrografici di cui all'articolo 8, comma 1.