Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Speciale Provvedimenti

Sanità e affari sociali
Welfare
D.L. 1/2022 - Emergenza COVID-19
informazioni aggiornate a venerdì, 27 maggio 2022

La legge n. 18/2022 ha disposto la conversione del  D.L. 1/2022 (A.C. 3434 che prevede alcune misure urgenti per fronteggiare l'emergenza da COVID-19 in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore, tra le quali l'introduzione dell'obbligo vaccinale per i soggetti di età pari o superiore a cinquant'anni e la previsione dell'obbligo del possesso di green pass "rafforzato" per l'accesso da parte dei medesimi soggetti ai luoghi di lavoro pubblico o privato o agli uffici giudiziari.

Per approfondimenti consulta qui il dossier.

Per i profili di carattere finanziario si rinvia al dossier di Verifica delle quantificazioni del Servizio Bilancio dello Stato.
Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza COVID-19 in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore

La legge n. 18/2022 ha disposto la conversione del  D.L. 1/2022 (A.C. 3434) che prevede alcune misure urgenti per fronteggiare l'emergenza da COVID-19 in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore. Il provvedimento si compone di 17 articoli. Tra le misure più significative si ricordano:

  • l'introduzione, fino al 15 giugno 2022, dell'obbligo di vaccinazione contro il COVID-19 per i soggetti di età pari o superiore a cinquanta anni, con applicazione di norme sanzionatorie per i casi di mancato adempimento dell'obbligo. Con decorrenza dal 15 febbraio 2022 e fino al 15 giugno 2022, è poi stabilito l'obbligo di possesso di un certificato verde COVID-19 "rafforzato" - generato, cioè, esclusivamente da vaccinazione o da guarigione - per l'accesso ai luoghi di lavoro, pubblico e privato, e agli uffici giudiziari da parte dei soggetti di età pari o superiore a cinquanta anni.  Tali obblighi non si applicano ai soggetti esentati da vaccino in base ad idonea certificazione medica o ai soggetti guariti dal Covid-19;
  • l'estensione dell'obbligo di vaccinazione per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2, già previsto per altre categorie di personale pubblico, al personale delle università, delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica e degli istituti tecnici superiori nonché al personale dei Corpi forestali delle regioni a statuto speciale;
  • l'ampliamento delle fattispecie di ambiti ed attività il cui accesso è riservato ai soggetti in possesso di un certificato verde COVID-19, generato da vaccinazione contro il COVID-19, da guarigione o da un test molecolare o un test antigenico rapido;
  • la soppressione del limite temporale di validità del certificato verde COVID-19 per i casi in cui esso sia generato in relazione all'assunzione della dose di richiamo del vaccino contro il COVID-19 (successiva al completamento del ciclo primario) ovvero in relazione ad una guarigione (dal medesimo COVID-19) successiva al completamento del ciclo primario del vaccino o successiva all'assunzione della dose di richiamo;
  • la reintroduzione - a decorrere dal 10 marzo 2022della facoltà di consumare cibi e bevande nei luoghi di spettacolo e intrattenimento (sale teatrali, sale da concerto e cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e assimilati, stadi);
  • l'adozione di misure dirette a favorire la continuità delle visite nelle residenze socio sanitarie;
  • la definizione di nuove regole riguardo la gestione dei casi di positività all'infezione da SARS-CoV-2 e delle quarantene nel sistema educativo, scolastico e formativo per rafforzare e favorire la scuola in presenza;
  • la previsione del diritto allo svolgimento del lavoro in modalità agile, anche in assenza degli accordi individuali, in favore dei genitori lavoratori dipendenti privati con almeno un figlio con disabilità grave o con figli con bisogni educativi speciali.
  • l'istituzione di un Fondo denominato "Ristori educativi" finalizzato al recupero e alla promozione di iniziative di consolidamento degli apprendimenti delle ore di scuola in presenza perse a causa della crisi sanitaria.