Frontespizio Relazione Progetto di Legge
XVII LEGISLATURA
 

CAMERA DEI DEPUTATI


   N. 159


PROPOSTA DI LEGGE
d'iniziativa del deputato VILLECCO CALIPARI
Autorizzazione all'assunzione di personale civile già vincitore di concorso pubblico presso il Ministero della difesa
Presentata il 15 marzo 2013


      

torna su
Onorevoli Colleghi! La presente proposta di legge intende rispondere alla problematica della mancata assunzione dei vincitori di concorso pubblico presso il Ministero della difesa.
      I vincitori di concorso non assunti sono quei cittadini che, pur avendo vinto un concorso pubblico, attendono per molto tempo, spesso anni, prima di poter essere assunti. Lo Stato ha bandito concorsi con regolari vincitori che, tuttavia, non riesce ad assumere a causa di restrizioni di legge introdotte con norme successive ispirate alla volontà di risparmiare risorse, con conseguenze che, come nel caso della difesa, nulla hanno a che fare con l'efficienza nel pubblico impiego.
      La normativa relativa alle assunzioni nella pubblica amministrazione è attualmente regolata dal decreto-legge n. 112 del 2008, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 133 del 2008 (articolo 66, rubricato «Turn over»), che limita fortemente e ingiustamente il numero di coloro che possono essere assunti. Per il 2009 la normativa prevede un'assunzione di personale pari al 10 per cento del personale cessato nel 2008 presso l'ente; per il 2010 e per il 2011 tale percentuale è elevata al 20 per cento.
      È dunque evidente come il diritto soggettivo all'assunzione derivante dall'aver vinto un concorso pubblico si trasformi in una straziante attesa per centinaia di giovani.
      Questa problematica è particolarmente sentita presso il Ministero della difesa, dove attualmente circa 400 persone, con profili differenti, si trovano in questa situazione a fronte di una carenza nell'organico del personale civile della difesa di circa 8.000 persone. Questa carenza si ripercuote inevitabilmente sulla funzionalità delle strutture tecniche e amministrative del Ministero e con particolare gravità nella cosiddetta «area industriale» della difesa, che viene privata del naturale ricambio generazionale con effetti negativi anche sull'efficienza delle Forze armate.
      Proprio in questa fase di profondo rinnovamento delle Forze armate, con nuove competenze anche negli ambiti civili del nostro Paese, è necessario provvedere immediatamente all'immissione di nuovo e motivato personale proveniente da percorsi formativi adeguati alle nuove esigenze della difesa.
torna su
PROPOSTA DI LEGGE
Art. 1.
(Assunzione di personale civile presso il Ministero della difesa).

      1. Per gli anni 2013 e 2014 il Ministero della difesa è autorizzato a procedere all'assunzione di personale a tempo indeterminato già vincitore di concorsi pubblici conclusi entro l'anno 2007.

Art. 2.
(Procedura di assunzione).

      1. Le assunzioni di cui all'articolo 1 sono effettuate, in deroga alle normative in vigore, direttamente dal Ministero della difesa, entro un mese dalla data di entrata in vigore della presente legge.

Art. 3.
(Copertura finanziaria).

      1. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge si provvede mediante l'utilizzo delle risorse derivanti dal risparmio dovuto alle cessazioni di personale presso il Ministero della difesa durante gli anni 2012 e 2013.
      2. Il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Per tornare alla pagina di provenienza azionare il tasto BACK del browser