Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Archivio di Prima Pagina

10/10/2019
Il potere dei senza potere - Interrogatorio a distanza con Vaclav Havel - Giovedì inaugurazione della mostra - Partecipa Carfagna

Giovedì 10 ottobre, alle ore 11, presso la Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, è stata inaugurata la mostra "Il potere dei senza potere - Interrogatorio a distanza con Vàclav Havel", a cura di Ubaldo Casotto e Francesco Magni. Saluto della Vicepresidente della Camera, Mara Carfagna. Introduzione del ministro degli Esteri della Repubblica Ceca, Tomàs Petricek, e di Anna Maria Poggi, della Compagnia di San Paolo. Marta Cartabia, vicepresidente della Corte costituzionale, ha svolto la relazione "Vàclav Havel e l'ortolano - Spunti per una responsabilità del cittadino".

Sono intervenuti il ministro per gli Affari europei, Vincenzo Amendola, il presidente della Commissione Esteri del Senato della Repubblica Ceca, Pavel Fischer. Modera il deputato Maurizio Lupi. L'appuntamento è stato trasmesso in diretta webtv.

La mostra resta aperta al pubblico dalle 14 di giovedì 10 fino al 21 ottobre, con i seguenti orari:10 - 18 (ultimo ingresso 17.30); chiusura sabato e domenica, ad eccezione di domenica 13 ottobre, visitabile in occasione di "Montecitorio a porte aperte". La mostra - composta da 35 pannelli - prende spunto dal volume Il potere dei senza potere pubblicato in Italia 40 anni fa e dall'elezione dello stesso Havel alla presidenza della Federazione Cecoslovacca, avvenuta nel 1989, e si sviluppa come una lunga intervista al leader politico: le domande sono formulate oggi, le risposte tratte liberamente dai suoi libri, per scoprire, attraverso la sua vita, le parole, il pensiero e le inquietudini, che cosa può segnare davvero la storia di un popolo. Testimonianze e contributi di giovani che leggono Havel oggi per la prima volta, e di personalità che lo hanno conosciuto, mettono in relazione le sue parole con la contemporaneità.