Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Resoconti delle Giunte e Commissioni

Vai all'elenco delle sedute >>

CAMERA DEI DEPUTATI
Giovedì 28 novembre 2019
283.
XVIII LEGISLATURA
BOLLETTINO
DELLE GIUNTE E DELLE COMMISSIONI PARLAMENTARI
Difesa (IV)
COMUNICATO
Pag. 20

INDAGINE CONOSCITIVA

  Giovedì 28 novembre 2019. — Presidenza del presidente Gianluca RIZZO.

  La seduta comincia alle 13.55.

Indagine conoscitiva sullo stato del reclutamento nelle carriere iniziali delle Forze armate.
(Esame del documento conclusivo e rinvio).

  La Commissione avvia l'esame.

  Gianluca RIZZO, presidente, avverte che la pubblicità dei lavori sarà assicurata mediante impianti audiovisivi a circuito chiuso. Non essendovi obiezioni, ne dispone l'attivazione. Ricorda, quindi, che la proposta di documento conclusivo è stata avanzata nella riunione dell'Ufficio di presidenza dello scorso 13 novembre e che, successivamente, è stata inviata a tutti i componenti della Commissione (vedi allegato). Comunica, quindi, che il deputato Ferrari ha fatto pervenire alcune proposte di modifica e integrazioni del documento.

  Roberto Paolo FERRARI (LEGA) osserva che l'esigenza di condurre l'indagine conoscitiva è stata avvertita anche a seguito delle analisi che, ad inizio legislatura, i vari Capi di Stato Maggiore delle Forze armate hanno svolto nelle loro relazioni. Rileva, quindi, che le audizioni hanno permesso alla Commissione di verificare che il profilo del volontario a ferma prefissata non appare più attraente e questo anche in considerazione dei sacrifici che lo stile di vita militare comporta rispetto a quello civile. Riassume, quindi, brevemente i punti più salienti della proposta di documento conclusivo e si sofferma, in particolare, sulle soluzioni proposte dai soggetti ascoltati dalla Commissione, evidenziando la necessità di predisporre i necessari strumenti affinché si riesca ad offrire un'opportunità di sbocco lavorativo a quei ragazzi che, dopo aver Pag. 21trascorso diversi anni nelle Forze armate, non riescono a transitare nel servizio permanente effettivo.

  Giovanni RUSSO (M5S) sottolinea come il personale rappresenti l'elemento di maggiore valore e importanza nell'ambito delle Forze armate e concorda sull'esigenza di intervenire per risolvere le problematiche più urgenti che l'attività conoscitiva ha fatto emergere. Auspica, quindi, che sul documento conclusivo si possa registrare un'ampia convergenza.

  Salvatore DEIDDA (FDI) richiama l'attenzione dei colleghi sull'opportunità di modificare la legge n. 244 del 2012, al fine di rinviare di almeno dieci anni gli obiettivi di riduzione degli organici delle Forze armate da questa stessa fissati. Evidenzia quindi come, per quanto riguarda i carabinieri ausiliari, la sinergia che è stata messa in campo insieme al presidente Rizzo abbia consentito di fare approvare un importante atto di indirizzo e invita a proseguire nello stesso spirito di collaborazione che rappresenta un tratto distintivo di questa Commissione.

  Alberto PAGANI (PD) evidenzia come nonostante gli sforzi, non sarà comunque possibile assicurare a tutti i volontari la certezza del transito nelle Forze armate o in quelle di polizia. Pertanto, a suo avviso, occorre prestare particolare attenzione a quelle misure che possano favorire il ricollocamento sul mercato del lavoro dei giovani che, terminato il servizio volontario, hanno acquisito formazione militare e nel maneggio delle armi. A questo riguardo, invita i colleghi a non trascurare il rischio che questi giovani possano essere (per disperazione, non certo per vocazione) preda della tentazione di essere reclutati dalla criminalità organizzata.

  Antonio DEL MONACO (M5S) sottolinea come la situazione attuale sia frutto di errori commessi in seguito alla sospensione della coscrizione obbligatoria e rimarca la necessità di adottare le opportune iniziative affinché ai giovani volontari non transitati nel servizio permanente sia data la possibilità di accedere a mestieri e professioni correlati ai servizi resi durante la permanenza nelle Forze armate.

  Roberto Paolo FERRARI (LEGA) condivide le considerazioni del collega Pagani e auspica che la Commissione riesca a concretizzare il lavoro svolto con l'indagine conoscitiva, convergendo unitariamente su una serie di iniziative utili.

  Gianluca RIZZO, presidente, ringrazia tutti gli intervenuti e rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta, auspicando che la proposta di documento possa incontrare un ampio consenso.

  La seduta termina alle 14.30.

  N.B.: Il resoconto stenografico della seduta è pubblicato in un fascicolo a parte.

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

  Giovedì 28 novembre 2019.

  L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 14.30 alle 14.55.

AUDIZIONI INFORMALI

  Giovedì 28 novembre 2019.

Nell'ambito dell'esame delle proposte di legge in materia di associazioni professionali a carattere sindacale del personale militare (C. 875-A Corda e abbinate C. 1060 Maria Tripodi e C. 1702 Pagani): Audizione di rappresentanti dell'Associazione sindacale operatori della Difesa Interforze professione militare (ASSODIPROMIL), del Sindacato italiano autonomo Carabinieri (SIACC) e della Federazione lavoratori militari (FLM).

  L'audizione informale si è svolta dalle 14.55 alle 16.

Pag. 22