Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Le sezioni che seguono contengono informazioni sulle attività della Camera dei deputati nell'ambito dell'Unione europea. La parte dedicata a "Il Parlamento italiano e l'UE" ricostruisce sinteticamente il quadro ordinamentale che regola le funzioni svolte dal Parlamento in questo ambito, con l'illustrazione delle relative disposizioni dei Trattati europei e della legislazione nazionale. In particolare, viene descritto l'intervento della Camera sia nella fase di formazione delle politiche europee (c.d. "fase ascendente"), sia nell'attuazione della normativa dell'UE (c.d. "fase discendente"). Nella sezione sono inoltre disponibili le sentenze della Corte di Giustizia dell'Unione europea di interesse per l'Italia trasmesse al Parlamento dal Governo nazionale e assegnate alle Commissioni parlamentari competenti ai fini di un loro possibile esame, con una breve nota di sintesi.
Leggi tutto

Il Parlamento italiano e l'Unione europea

L'azione del Parlamento italiano in relazione alle attività dell'Unione europea (UE) si sviluppa in tre principali ambiti:

la partecipazione alla formazione delle politiche e della normativa europee;

• l'attuazione della normativa dell'UE nell'ordinamento interno;

la cooperazione interparlamentare.

I relativi strumenti e procedure sono disciplinati da una pluralità di fonti: i Trattati europei (e i protocolli ad essi allegati), la legge 24 dicembre 2012, n. 234, recante "Norme generali sulla partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europe", altre leggi (in particolare in materia di contabilità pubblica), i regolamenti parlamentari, le prassi concordate tra le istituzioni dell'UE e i Parlamenti nazionali.

La cooperazione interparlamentare è regolata, oltre che da apposite previsioni del Protocollo n. 1, allegato al Trattato di Lisbona, da linee guida concordate dalla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell'Unione europea, dai regolamenti interni delle conferenze interparlamentari "istituzionalizzate", nonchè in gran parte dalla prassi.