Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Anno 2020

  • 09/01/2020
    N° ricorso: 
    42086/14

    Jeddi - in materia di diritto alla libertà e alla sicurezza. Non viola l'art. 5 CEDU la condotta complessiva delle autorità italiane nei confronti di un migrante tunisino, il quale sia stato detenuto in un centro di identificazione ed espulsione in attesa dell'esecuzione di provvedimenti legittimi di espulsione verso la Tunisia. Ciò tanto più alla luce di un comportamento contradditorio dell'uomo, che dapprima aveva chiesto la protezione internazionale in Italia e poi l'asilo in Svizzera e in considerazione del fatto che - da ultimo - egli era stato liberato in conseguenza dell'emanazione del provvedimento abilitativo al soggiorno.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 16/01/2020
    N° ricorso: 
    59347/11

    Magosso e Brindani - in materia di libertà di espressione. Viola l'art. 10 della CEDU la condanna inflitta a due giornalisti a motivo dell'intervista resa a un sottufficiale in congedo dei carabinieri e riportata come tale circa i tempi, le modalità e il movente dell'omicidio di Walter Tobagi nel 1980 (a opera dell'organizzazione terroristica Brigata 28 marzo), poiché i giudici nazionali non hanno distinto tra le affermazioni dell'intervistato e l'attività cronachistica del giornalista.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 30/01/2020
    N° ricorso: 
    29483/11 e altri 4

    Cicero e altri - in materia di leggi di interpretazione autentica. Viola l'art. 6 par. 1 CEDU la legge interpretativa retroattiva che chiarisca i criteri di calcolo della retribuzione, risolvendo a favore del datore di lavoro pubblico una controversia giudiziaria già in corso, nonchè l'art. 1 Prot. n. 1 CEDU in quanto priva in via definitiva i ricorrenti della possibilità di ottenere il riconoscimento dell'anzianità di servizio pregressa.

    Testo integrale (in inglese)
    Sintesi
  • 06/02/2020
    N° ricorso: 
    44221/14

    Felloni - in materia di diritto a un processo equo. Viola l'art. 6 della Convenzione EDU la disciplina del procedimento dinanzi alla Corte di cassazione, in quanto non garantisce un esame effettivo delle principali argomentazioni del ricorrente né una risposta che permetta di comprendere le ragioni per cui sono state respinte.

    Testo integrale (in francese)
  • 19/03/2020
    N° ricorso: 
    41603/13

    Fabris e Parziale - in materia di diritto alla vita. Non viola l'art. 2 della Convenzione EDU (in materia di diritto alla vita) la conclusione di un'inchiesta penale, scaturita dalla morte di un detenuto tossicodipendente, se l'archiviazione giunge in esito a verifiche approfondite, le quali abbiano mostrato che - sebbene si trattasse di soggetto vulnerabile - nessun addebito potesse essere mosso ai responsabili dello stabilimento penitenziario.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 26/03/2020
    N° ricorso: 
    24888/03

    Matteo - in materia di diritto a un processo equo. Viola l'art. 6 della CEDU - sotto il profilo della ragionevole durata del processo - il protrarsi di una controversia civile per circa 16 anni. Sebbene la controversia inerisca a una procedura espropriativa poi giudicata non illegittima dalla corte d'appello di Napoli (la cui pronunzia la ricorrente non ha impugnato per cassazione), la sua durata è comunque eccessiva, a nulla rilevando che la ricorrente non possa più dirsi vittima della pretesa illiceità dell'occupazione del suo terreno.

    Testo integrale (in inglese)
    Sintesi
  • 26/03/2020
    N° ricorso: 
    28841/03

    De Cicco- in materia di ragionevole durata del processo. Constata la violazione dell'art. 6 della CEDU, relativo al diritto ad un processo equo sotto il profilo della ragionevole durata

    Testo integrale (in inglese)
    Sintesi
  • 26/03/2020
    N° ricorso: 
    55431/09

    Barletta e Farnetano - in materia di diritto al rispetto della vita privata e familiare. Viola l'art. 8 CEDU (e non gli artt. 2 e 6) la condotta delle autorità giudiziarie italiane che nel complesso non hanno consentito che fosse tempestivamente chiarita la causa della patologia tetraplegica da cui è risultato affetto un bambino, nato con parto cesareo e ricoverato in ospedale per alcune settimane e poi ospitato in una struttura di neuropsichiatria infantile.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 04/06/2020
    N° ricorso: 
    50988/13

    Citraro e Molino - in materia di diritto alla vita. Viola l'art. 2 della Convenzione EDU - sotto il profilo materiale - il comportamento delle autorità carcerarie italiane che non hanno profuso tutte gli sforzi che era ragionevole attendersi per impedire il suicidio di un detenuto che aveva mostrato segni di debolezza psichica.

    Non viola l'art. 2 della Convenzione EDU - sotto il profilo procedurale - la conclusione di un processo penale, scaturito dal suicidio di un detenuto, se l'esito assolutorio giunge al termine di un procedimento approfondito, in cui lo Stato convenuto dimostri di aver adoperato strumenti ragionevoli per pervenire all'accertamento delle responsabilità.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 04/06/2020
    N° ricorso: 
    24813/03

    Morelli - in materia di ragionevole durata del processo. Viola l'art. 6 della Convenzione EDU - sotto il profilo della ragionevole durata - la procedura giudiziaria relativa all'occupazione di un terreno che duri (più di) 11 anni sul singolo un grado di merito. Non viola l'art. 1 Prot. n. 1 CEDU la sentenza dell'autorità giudiziaria italiana, la quale constati che, in seguito all'occupazione di un terreno per la costruzione di una ferrovia l'indennizzo concesso alla locataria risulti congruo.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 09/07/2020
    N° ricorso: 
    6561/10

    Avellone - in materia di diritto a un processo equo. Viola l'art. 6 della CEDU la legge interpretativa retroattiva che chiarisca che il beneficio della maggiorazione automatica delle pensioni di guerra di cui alla legge n. 140 del 1985 operi solo a partire dalla maturazione del diritto a pensione e non sin dal momento della sua entrata in vigore. La legge interpretativa retroattiva, infatti, viola la parità delle armi e vanifica l'efficacia dell'attività giurisdizionale, in violazione del principio del giusto processo.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 03/09/2020
    N° ricorso: 
    34297/09

    Facchinetti - in materia di diritto a un processo equo. Constata la violazione da parte dello Stato italiano del diritto dei ricorrenti ad un processo equo, protetto dall'art. 6, par. 1 CEDU, essendo esso intervenuto con una legge di interpretazione autentica introducendo una norma ad hoc al fine di assicurarsi un esito favorevole nel giudizio in cui era convenuto.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 03/09/2020
    N° ricorso: 
    59753/09

    Grieco - in materia di diritto a un processo equo. Constata la violazione da parte dello Stato italiano del diritto dei ricorrenti ad un processo equo, protetto dall'art. 6, par. 1 CEDU, essendo esso intervenuto con una legge di interpretazione autentica introducendo una norma ad hoc al fine di assicurarsi un esito favorevole nel giudizio in cui era convenuto.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 10/09/2020
    N° ricorso: 
    59751/15

    G.L. - in materia di divieto di discriminazioni. Viola l'art. 2, del Prot. 1, in combinato disposto con l'art. 14 della CEDU, la condotta complessiva delle autorità italiane - il comune negando l'assegnazione di un insegnante di sostegno e i giudici amministrativi rigettando i ricorsi proposti - che non hanno consentito a una bambina autistica non verbale di frequentare la scuola primaria con l'assistenza di un insegnante di sostegno retribuita dal sistema pubblico.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 10/09/2020
    N° ricorso: 
    59751/15

    Tondo - in materia di diritto a un processo equo. La mancata escussione del testimpone a carico - già giudicato non attendibile nel giudizio di primo grado - o di altri testimoni, prima di annullare il verdetto di assoluzione, viola l'art. 6 par. 1 CEDU in quanto pregiudica il diritto di difesa dell'imputato.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 10/12/2020
    N° ricorso: 
    70945/13

    Edizioni del Roma - in materia di diritto a un processo equo. Non viola, nel caso concreto, l'art. 6 della CEDU il procedimento sanzionatorio per l'omessa comunicazione del controllo societario, prevista per i titolari che chiedano finanziamenti pubblici all'editoria (legge n. 416 del 1981), poichè esso - pur essendosi svolto essenzialmente per iscritto ed essendo solo in parte stata offerta ai soggetti interessati la possibilità di interloquire sugli elementi di prova con l'AGCom (l'autorità preposta al settore) - ha trovato in sede giurisdizionale un sindacato pieno.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
  • 10/12/2020
    N° ricorso: 
    36936/18

    A.V. - in materia di diritto alla vita privata e familiare. Viola l'art. 8 della CEDU il complessivo comportamento delle autorità italiane che - nonostante provvedimenti giudiziali favorevoli al padre di un minore - finiscano per renderli inefficaci in via di fatto, impedendo il concreto esercizio del diritto di visita.

    Testo integrale (in francese)
    Sintesi
Vedi anche
Cerca sentenze