COMITATO FORMA DI STATO

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 12 MARZO 1997

Allegato n. 1

SCHEMA DI PROPOSTA CONCERNENTE PROPOSIZIONI NORMATIVE, RELATIVE AL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ PER LA RIPARTIZIONE DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E LEGISLATIVE FRA COMUNI, PROVINCE, REGIONI, STATO ED UNIONE EUROPEA


1. La Repubblica si riparte in Comuni, Province, Regioni e Stato.


La distribuzione delle funzioni amministrative e legislative è articolata secondo il principio di sussidiarietà, mediante l'attribuzione della titolarità delle funzioni agli enti più vicini agli interessi dei cittadini, la non duplicazione delle funzioni e l'individuazione delle rispettive responsabilità.


Le funzioni amministrative sono ripartite tra Comuni, Province, Regioni, Stato ed Unione europea.


I Comuni e le province hanno competenza amministrativa generale, ad esclusione delle sole funzioni attribuite alla Regione, allo Stato o all'Unione europea in quanto strettamente necessarie per il miglior esercizio delle rispettive competenze legislative.


2. Le funzioni legislative sono ripartite tra Regioni, Stato ed Unione europea.


3. La Regione, nell'ambito della propria funzione legislativa, partecipa direttamente alla determinazione ed all'attuazione degli atti normativi dell'Unione europea.


Lo Stato può sostituirsi alla Regione in caso di inadempienza per garantire la responsabilità internazionale dell'Italia.


4. I comuni, le Province, le Regioni e lo Stato sono tenuti a prestarsi reciproca collaborazione per il miglior svolgimento delle rispettive funzioni.

Francesco D'ONOFRIO, relatore.