COMITATO FORMA DI STATO

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 26 MARZO 1997

Allegato n. 21

EMENDAMENTO SOSTITUTIVO ALLA PROPOSTA DI PROPOSIZIONI NORMATIVE DEL RELATORE D'ONOFRIO CONCERNENTI GLI STATUTI REGIONALI


1. Ciascuna regione delibera il proprio statuto, con il quale definisce la forma di governo, l'organizzazione degli uffici e degli enti dipendenti, le regole fondamentali dell'azione di governo, nell'ambito dei princìpi della Costituzione.
2. Lo statuto regola l'esercizio del diritto di iniziativa e del referendum e le modalità di approvazione delle leggi e degli atti amministrativi della regione. Prevede in ogni caso l'iniziativa e la partecipazione delle comunità locali alla formazione delle leggi, degli atti amministrativi e degli atti di programmazione della regione.
3. Lo statuto è deliberato a maggioranza assoluta dalla assemblea regionale.
4. L'assemblea regionale è eletta con suffragio universale e diretto, come determinato dallo statuto che può stabilire anche i casi di scioglimento. Ad essa compete il potere legislativo della regione.
La legge elettorale è deliberata da ciascuna regione sulla base dei princìpi fissati con legge dello Stato.
5. Il presidente della regione, eletto secondo le modalità indicate dallo statuto, la rappresenta. Dirige la politica generale della regione stessa e ne è responsabile. Il presidente della regione è nominato dal Presidente della Repubblica nelle cui mani presta giuramento.

BRESSA, ELIA