COMITATO FORMA DI STATO

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 26 MARZO 1997

Allegato n. 22

PROPOSTA DI PROPOSIZIONI NORMATIVE PER LA COSTITUZIONE, IL MUTAMENTO TERRITORIALE E LA DENOMINAZIONE DELLE REGIONI


Art. 131.


Le regioni sono definite nel territorio e costituite attraverso l'aggregazione di Province, previa eventuale modificazione delle circoscrizioni provinciali secondo l'articolo 114-bis, comma primo, in modo che, oltre alla regione Sardegna, si determinino regioni con almeno tre milioni e cinquecentomila abitanti.
Può essere costituito distintamente il distretto di Roma capitale.
Le denominazioni delle regioni sono formate, ove occorra, attraverso tutte le denominazioni delle precedenti regioni storiche e costituzionali.
Nelle regioni costituite secondo il comma primo, sono conservate, su conformi deliberazioni delle popolazioni interessate, l'identità territoriale e tutti i poteri legislativi e amministrativi degli enti esponenziali, comunque decidano di denominarsi, delle comunità della Valle d'Aosta, dell'Alto Adige o Sud-Tirolo, del Trentino, del Friuli, della Venezia Giulia.


Art. 132.


Con legge costituzionale di approvazione le circoscrizioni, il numero e le denominazioni delle regioni possono essere modificati su deliberazioni delle province e, a richiesta, delle popolazioni interessate, sempreché le regioni, che si costituiscano, e le precedenti regioni, da cui ci si separa, abbiano almeno tre milioni e mezzo di abitanti e comunque, finché l'articolo 131 comma primo non sia stato attuato integralmente, per il principio di uguaglianza, non meno della minore delle regioni già costituite.

ROTELLI