COMITATO PARLAMENTO E FONTI NORMATIVE

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 2 APRILE 1997

Presidenza della Presidente Ersilia SALVATO


La seduta comincia alle 19,10.


Ersilia SALVATO, Presidente, riferisce preliminarmente sulle risultanze dell'Ufficio di Presidenza, riunitosi nella mattinata e che ha previsto riunioni congiunte tra i Comitati al fine di dirimere le varie connessioni e possibili deliberazioni di indirizzo da parte della Commissione plenaria.


La relatrice Ida DENTAMARO (gruppo federazione cristiano democratica-CDU) espone le proprie considerazioni sul sistema delle fonti, soffermandosi sulla tipologia degli atti normativi del Parlamento e del Governo segnalando di volta in volta le soluzioni evidenziate nelle iniziative di riforma presentate ed i possibili rimedi rimessi al regime delle impugnazioni. Una riserva di regolamento governativo dovrebbe, in particolare, essere stabilita nel campo dell'organizzazione amministrativa. Altre questioni si propongono in relazione alla definizione del ruolo da riservare all'intervento della seconda Camera per alcune categorie di leggi secondo varie modalità ancora da precisare, con possibile eliminazione della sede legislativa in Commissione, ai poteri del Governo di incidere sull'ordine del giorno delle Camere e sui contenuti delle deliberazioni parlamentari, ai vincoli sostanziali e procedurali da applicare alle leggi di bilancio. Anche a questo proposito, occorre stabilire le forme di partecipazione delle regioni nel corso dell'iter di approvazione dinanzi alla seconda Camera. Sul referendum, passa in rassegna alle proposte presentate relativamente ai poteri di iniziativa, alle materie sottratte alla deliberazione del corpo elettorale, ai vari effetti della consultazione referendaria, alle procedure di controllo sui quesiti. Da ultimo, riferisce sullo status dei parlamentari e sulle modalità di verifica dei poteri.


Ersilia SALVATO, Presidente, invita la relatrice a riferire in altra occasione sul tema della revisione costituzionale che l'Ufficio di Presidenza ha rimesso alla trattazione del Comitato. Coglie l'occasione per mettere in guardia contro eventuali eccessi nel costituzionalizzare materie disparate ed esprime qualche timore per un ridimensionamento complessivo del ruolo delle Camere.


La seduta termina alle 20,30.