COMITATO PARLAMENTO E FONTI NORMATIVE

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 23 APRILE 1997

ALLEGATO N. 14

Osservazioni all'articolato presentato dalla relatrice Dentamaro.


Si pongono di seguito alcune questioni in qualità di contributo alla discussione in sede di Comitato e di Commissione.
I punti elencati si riferiscono all'articolato presentato dalla relatrice Dentamaro.

N)


«In casi straordinari di necessità e d'urgenza il Governo può adottare provvedimenti provvisori con forza di legge contenenti misure etc. ».


La formula deve essere resa più restrittiva, in modo da vincolare la potestà legislativa straordinaria del Governo a materie specifiche, con l'esclusione di tutte le altre.

Crucianelli.

O)


«Il Parlamento in seduta comune dei suoi membri delibera lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari».


A questo proposito può essere inserito l'obbligo per il Governo di presentarsi alle Camere anche nel caso di invio di truppe per missioni di pace e di partecipazione a forze multinazionali (sugli esempi recenti di Albania e Somalia) e rendere vincolante quella che al momento è solo una prassi consuetudinaria.


Parimenti, si può inserire una formula che esplicita l'intervento parlamentare nell'esame e nella ratifica dei trattati militari.

Crucianelli, Salvi.

Q)


«È autorizzata con legge la ratifica dei trattati internazionali di natura politica etc.».


Al fine di evitare interpretazioni ambigue e per modificare realmente la condizione attuale, si renda esplicita la partecipazione attiva del Parlamento al procedimento decisionale di tutti i trattati internazionali, fin dalla loro prima negoziazione, senza limitazione di materia.

Crucianelli, Salvi.

R)


Al comma 3 va soppresso interamente il primo periodo, vale a dire, sono da sopprimere le parole: «I bilanci dello Stato devono rispettare il principio dell'equilibrio di parte corrente».

Crucianelli.

U)


Riserva di regolamento - vedi articolato.


È un punto che va soppresso: la potestà governativa di normazione riservata (sistema che ha la sua patria esclusiva in Francia) è soltanto un mezzo tra i più incisivi di indebolimento dell'organo parlamentare rispetto all'Esecutivo e trova ancora meno ragione di esistere in un ambito di decentramento a carattere regionale.

Crucianelli.

V)


Sul procedimento amministrativo - vedi articolato.


In capo al testo si può introdurre la dichiarazione che l'Amministrazione è al servizio dei cittadini al fine di promuoverne i diritti.


L'unione dei punti 1 e 5 (vale a dire la garanzia costituzionale di trasparenza, partecipazione e diritto di accesso fin dalla formazione del procedimento) costituisce una garanzia fondamentale per i cittadini, ma rende superflua la sopravvivenza del punto 2 (che assegna a legge organica la statuizione dei principi generali).

Crucianelli, Salvi.