La nuova disciplina dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

31 March 2014

Nella Gazzetta ufficiale del 28 marzo scorso (n. 73 del 2014) è stato pubblicato il decreto legislativo 14 marzo 2014, n. 49, di attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Le principali novità introdotte dal decreto (che entrerà in vigore il prossimo 12 aprile 2014) riguardano:

  • l’inclusione nei RAEE domestici dei c.d. RAEE dual use (vale a dire i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche che potrebbero essere usate sia dai nuclei domestici che da utilizzatori diversi);
  • l'introduzione del ritiro "uno contro zero" per i RAEE di piccolissime dimensioni, che si affianca al ritiro "uno contro uno" di RAEE equivalenti, già previsto dalla normativa vigente e confermato dal decreto n. 49;
  • l’introduzione di obiettivi più severi di raccolta differenziata dei RAEE (decorrenti dal 2016) e di maggiori percentuali di RAEE da recuperare e riciclare (decorrenti dal 15 agosto 2015).

La pubblicazione del decreto n. 49 segue quella del decreto legislativo n. 27/2014, con cui è stata recepita la direttiva 2011/65/UE sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE).

Prima di essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, il decreto n. 49 è stato sottoposto al parere delle competenti commissioni parlamentari e della Conferenza delle Regioni.

Per saperne di più

Leggi il testo del decreto pubblicato e il dossier del Servizio studi:

Leggi i pareri delle Commissioni di Camera e Senato e delle Regioni:

Leggi i documenti consegnati nel corso delle audizioni:

Servizio Studi della Camera dei deputati

La documentazione dei servizi e degli uffici della Camera è destinata alle esigenze di documentazione interna per l'attività degli organi parlamentari e dei parlamentari. La Camera dei deputati declina orgni responsabilità per la loro eventuale utilizzazione o riproduzione per fini non consentiti dalla legge.
I contenuti originali possono essere riprodotti nel rispetto della legge, a condizione che sia citata la fonte.