Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Speciale Provvedimenti

Difesa e Forze armate
Commissione: IV Difesa
Difesa e Forze armate
La proroga delle missioni internazionali per il periodo 1° gennaio - 30 giugno 2014: il D.L n. 2 del 2014
informazioni aggiornate a lunedì, 24 marzo 2014

La legge n. 28 del 2014, di conversione del decreto legge n. 2 del 2014,   reca la proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia per il periodo 1° gennaio - 30 giugno 2014.

Il contenuto del decreto legge n. 2 del 2014

La legge n. 28 del 2014, di conversione del decreto-legge n. 2 del 2014  reca una serie di disposizioni volte ad assicurare, per il periodo 1° gennaio - 30 giugno 2014, la proroga della partecipazione del personale delle Forze armate e di polizia alle missioni internazionali, nonché la prosecuzione degli interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione.

Il provvedimento disciplina, altresì, i profili normativi connessi alle missioni e prevede, per specifici aspetti (quali il trattamento giuridico, economico e previdenziale, la disciplina contabile e penale), una normativa strumentale al loro svolgimento individuata essenzialmente mediante un rinvio all'ordinamento vigente.

Nello specifico, il provvedimento composto da 13 articoli è suddiviso in tre capi.

Il capo I, composto dai primi 8 articoli, reca le autorizzazioni di spesa dal 1° gennaio al 30 giugno 2014 necessarie alla proroga del termine per la partecipazione italiana a diverse missioni internazionali delle Forze armate e delle forze di polizia e a talune esigenze connesse alle richiamate missioni, raggruppate sulla base di criteri geografici (articoli 1, 2, 3, e 4), le relative norme sul personale (articolo 5), nonché quelle in materia penale (articolo 6) e contabile (articolo 7). L'articolo 3-bis, introdotto dal Senato, è finalizzato a prevedere taluni obblighi di informazione da parte del Governo nei confronti delle Camere, relativi alle missioni contemplate dagli articoli 1, 2 e 3 del decreto legge.

Il capo II reca iniziative di cooperazione allo sviluppo (articolo 8) e al sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione (articolo 9) e il regime degli interventi (articolo 10).

Da ultimo, gli articoli 11 e 12, ricompresi nel capo III (Disposizioni finali), recano disposizioni concernenti la copertura finanziaria del provvedimento e la sua entrata in vigore.

Nello specifico il provvedimento, autorizza, a decorrere dal 1° gennaio 2014 e fino al 30 giugno 2014, le seguenti spese:

  • 235.156.497 euro per la proroga della partecipazione di personale militare alle missioni in Afghanistan, denominate International Security Assistance Force(ISAF) ed EUPOL AFGHANISTAN;
  • 9.056.445 euro per la proroga dell'impiego di personale militare negli Emirati Arabi Uniti, in Bahrain, in Qatar e a Tampa per esigenze connesse con le predette operazioni in Afghanistan; 
  • 81.523.934 euro per la proroga della partecipazione del contingente militare italiano alla missione delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL), compresi l'impiego di unità navali e di personale militare in attività di addestramento delle forze armate libanesi;
  • 40.761.553 euro per la proroga della partecipazione alle missioni nei Balcani, (Multinational Specialized Unit(MSU), European Union Rule of Law Mission in Kosovo, Security Force Training Plan in Kosovo e Joint Enterprise);
  • 136.667 euro per la proroga della partecipazione di personale militare alla missione dell'Unione europea in Bosnia-Erzegovina (denominata ALTHEA);
  • 8.722.998 euro per la proroga della partecipazione di personale militare alla missione nel Mediterraneo Active Endeavour; 1.216.652 euro per la proroga della partecipazione alla missione Temporary International Presence in Hebron(TIPH2) e per l'impiego di personale militare in attività di addestramento delle forze di sicurezza palestinesi;
  • 60.105 euro per la proroga della missione dell'Unione europea di assistenza alle frontiere per il valico di Rafah, (EUBAM Rafah); 131.738 euro per la proroga della partecipazione alla missione delle Nazioni Unite a Cipro (UNFICYP);
  • 25.124.097 euro per la partecipazione alle operazioni dell'Unione europea (denominata Atalanta)e della NATO (denominata Ocean Shield)per il contrasto della pirateria;
  • 7.062.139 euro per la proroga della partecipazione di personale militare alle missioni dell'Unione europea EUTM Somalia e EUCAP Nestor, nonché nell'ambito delle ulteriori iniziative dell'Unione europea per la Regional maritime capacity building nel Corno d'Africa e nell'Oceano Indiano occidentale e per l'impiego di personale militare in attività di addestramento delle forze di polizia somale;
  • 5.118.845 euro per la proroga della partecipazione di personale militare alla missione dell'Unione europea in Libia; 185.495 euro per la proroga della partecipazione alla missione di vigilanza dell'Unione europea in Georgia;1.337.010 euro per la missione delle Nazioni Unite in Mali e alle missioni dell'Unione europea EUCAP Sahel Niger ed EUTM Mali;
  • 2.955.665 euro per la prosecuzione dei programmi di cooperazione delle Forze di polizia italiane in Albania e nei Paesi dell'area balcanica;
  • 721.660 euro per la proroga della partecipazione di personale della Polizia di Stato alla missione dell'Unione europea EULEX Kosovo;
  • 61.490 euro per la proroga della partecipazione di personale della Polizia di Stato alla missione delle Nazioni Unite UNMIK;
  • 63.240 euro per la proroga della partecipazione alla missione European Union Police Mission for the Palestinian Territories (EUPOL COPPS);
  • 132.380 euro per il personale della Polizia di Stato impegnato nella missione dell'Unione europea in Libia;
  • 3.604.700 euro per la proroga della partecipazione di personale del Corpo della guardia di finanza alla missione in Libia;
  • 352.579 euro per l'impiego di personale appartenente al Corpo militare volontario e al Corpo delle infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana per le esigenze di supporto sanitario delle missioni internazionali in Afghanistan e negli Emirati Arabi Uniti.

Rispetto al precedente provvedimento di proroga (decreto legge n. 114 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 dicembre 2013, n. 135,) che aveva disposto una proroga di tre mesi delle missioni internazionali - scaduta lo scorso 31 settembre 2013 - il decreto legge in esame ne prevede il rinnovo semestrale 1° gennaio - 330 giugno 2014.

Approfondimenti
Dossier